top of page
Search
  • Writer's pictureMike

SuperFood? No, grazie!

Non esistono i superfood, esiste il cibo vero e stagionale


Tramite le parole è molto facile creare nuove categorie, nuovi modi di pensare ciò che prima era scontato, naturale e alla portata di tutti.


Una di queste parole è Superfood, creata per farci credere che ci siano dei cibi “migliori” di altri.


Così veniamo spinti dal marketing a comprare nuovi alimenti con l’illusione che curino le nostre patologie, ci forniscano nutrienti di cui siamo carenti e ci diano energia per affrontare la giornata.


Niente di più falso.


Per migliaia e migliaia di anni ci siamo evoluti mangiando ed adattando il nostro sistema digestivo ad una serie di alimenti che non avevano subito nessun processo di raffinazione, trattamento antiparassitario, cresciuti su terreni incontaminati sotto la luce diretta del sole che ora sappiamo fornire agli alimenti stessi delle importanti informazioni che vengono poi trasmesse al nostro organismo quando li mangiamo.


Carne e pesce non allevati, vissuti allo stato brado che si alimentavano con erba, ghiande, altri animali, senza la benché minima traccia di antibiotici, ormoni, e senza lo stress degli allevamenti intensivi.


E anche quando venne introdotto l’allevamento, gli animali erano liberi di girare indisturbati e cercare il nutrimento di cui avevano bisogno.


Questo, insieme all’esposizione alla luce del sole, faceva si che piante, frutta, animali, semi, tuberi e bacche contenessero proteine, carboidrati e grassi adatti alla vita sulla terra.


E le stagioni guidavano le nostre scelte, ciò che cresceva era ciò che potevamo mangiare.


Vogliamo parlare dei terreni e delle falde acquifere dove crescevano frutta, verdura, l’erba che mangiava la mucca che poi a nostra volta mangiavamo^



INCONTAMINATI!



Facciamo un esempio.


Compro un cosiddetto superfood, lo coltivano in un paese estero in una serra (che quindi filtra parzialmente la luce del sole), su una falda inquinata ed un terreno povero di minerali, subisce decine di trattamenti con pesticidi e altre sostanze.


Quando arriva al supermercato, nella sua bella confezione, di un bel colore brillante (perché ha subito un ulteriore trattamento per splendere, così è più vendibile!), ed io lo compro, cosa sto mangiando?



Quand’è l’ultima volta che avete colto un pomodoro dalla pianta, cresciuto ed informato dal sole, su un terreno sano, maturato nei tempi giusti? Non necessita di condimento, ha un sapore pazzesco già così!



E’ vero o no?



Perciò, non esiste chiamare un alimento, “Superfood”, ma cercare di nutrirsi con cibo vero e non adulterato, perchè è ciò di cui abbiamo bisogno per liberarci dalla schiavitu della malattia, dei farmaci, delle continue visite mediche per patologie che spesso derivano solo e soltanto da ciò con cui ci nutriamo.


"Fa che il cibo sia la tua medicina e che la tua medicina sia il cibo"


2 views0 comments

Recent Posts

See All

Comments


bottom of page